Vai al contenuto della pagina

torna su




Homepage / Letture / Normativa

Normativa

I principali riferimenti normativi per l'istituto dell'adozione si ritrovano nellla leg. 4 maggio 1983 n. 184, come modificata dalla  leg. 28 marzo 2001 n. 149, e nella leg. del 31 dicembre 1998 n. 476 che ha ratificato, e quindi reso esecutiva, la Convenzione de L'Aja del 29 Maggio 1993.

La 149/2001, intitolata "Diritto del minore ad una famiglia", ha modificato il precedente sistema relativo alle adozioni, ponendo al centro del sistema il diritto del minore a crescere in una famiglia capace di svilupparne appieno le potenzialità ed aspirazioni, rispetto al precdente ordinamento in cui centrale era la tutela del desiderio di genitorialità dei coniugi.

L'adozione si configura quale estremo rimedio a fronte di un situazione irreparabile di abbandono in cui versa il minore; se al contrario la situazione di abbandono è temporanea o reversibile la legge prevede forme di intervento quali l'affidamento o misure di sostegno per la famiglia d'origine, al fine di far superare le momentanee difficoltà.

Il nuovo impianto normativo ha come obiettivo prioritario il diritto del minore a vivere in una famiglia, preferibilmente la propria; solo qualora ciò non sia possibile, allora l'ordinamneto prevede la possibilità che questo diritto si realizzi un'altra idonea e capace di fornirgli tutto l'amore e le cure di cui ha bisogno.

Perchè un minore possa essere adottato è necessario che la situazione in cui si trova sia tale da compromettere il suo sviluppo psicofisico.

Fotografia di dbking

 

torna su