Vai al contenuto della pagina

torna su




Homepage / I soggetti presenti sul territorio / I GIL Adozioni

GIL Adozioni

I G.I.L. Adozioni sono dei Gruppi Integrati di Lavoro per le Adozioni formati da Assistenti Sociali e Psicologi dei Comuni e delle A.S.L. .

Nella Regione Lazio sono presenti 20 G.I.L. Adozioni, che sono organizzati secondo un modello di integrazione socio-sanitaria (che comprende cioè operatori della ASL e dei Comuni), e che sono coinvolti nelle diverse fasi del processo di adozione, sia nazionale che internazionale.
  • 11 GIL A fanno riferimento ad ASL ed ai Municipi di Roma Capitale.
  • 5 GIL A fanno riferimento ad ASL ed ai Comuni della Provincia di Roma.
  • 4 GIL A fanno riferimento ad ASL e Comuni delle altre Province del Lazio.
I GIL Adozioni svolgono le seguenti attività:
  • forniscono informazioni sui requisiti, procedure e tempi necessari per le adozioni;
  • sostengono le coppie che aspirano all'adozione, ne curano la preparazione e le accompagnano durante il percorso di adozione nazionale e internazionale;
  • raccolgono informazioni sulle coppie ed ogni altro elemento utile al Tribunale per i Minorenni di Roma, perché questo abbia gli elementi per valutare la coppia;
  • sostengono le coppie nel periodo di post adozione, soprattutto nel caso di adozioni internazionali.
I GIL A sono stati attivati dalla Regione, che ha anche organizzato due corsi per gli operatori, e sottoscritto un protocollo organizzativo e metodologico del Lazio per le adozioni nazionali (1999). Nel 2002 è stato reso operativo un protocollo sperimentale per le adozioni internazionali.

La nuova legge attribuisce compiti molto importanti ai Servizi socio-assistenziali delle ASL e dei Comuni, che devono lavorare insieme, per arrivare ad una più approfondita conoscenza della realtà familiare delle coppie e sulle loro motivazioni ad adottare, anche con la collaborazione degli Enti Autorizzati. Il compito dei servizi è quindi di osservazione, e contemporaneamente di aiuto alla coppia.

La valutazione dell'idoneità spetta comunque al Tribunale per i Minorenni (non è infrequente il caso di giudizi diversi del Tribunale rispetto  alle osservazioni contenute nella relazione psico-sociale), al quale deve pervenire una relazione molto approfondita, in particolare sotto il profilo psicologico.

Anche dopo l'adozione, il ruolo dei Servizi ha una sua importanza. Anzi, specialmente nei primi tempi, la loro presenza è indispensabile per aiutare i nuovi genitori adottivi, ed il bambino, ad affrontare e superare i problemi che possono presentarsi nella fase di inserimento. Inoltre, la maggior parte dei Paesi di origine chiede, almeno per un anno, periodiche relazioni sulle condizioni del bambino e sul livello di integrazione nella nuova famiglia. Nel post-adozione però, i GIL Adozioni si attivano su richiesta dei cittadini.
 

torna su